La fotografia come forma d’arte: storia e accettazione nel mondo artistico

Esplora la trasformazione della fotografia da tecnica meccanica a riconosciuta forma d’arte attraverso la storia e il dibattito artistico.

Autore: Marco Crupi

Seguici

Questo articolo fa parte della rubrica: Storia della Fotografia.

La nascita della fotografia nel 1826 ad opera di Niépce, e la successiva evoluzione con lo sviluppo del dagherrotipo nel 1839, hanno rappresentato un punto di svolta nel panorama artistico dell’epoca. Il dagherrotipo, era notevolmente più avanzato rispetto al processo di eliografia di Niépce; produceva immagini nitide e dettagliate e richiedeva tempi di esposizione molto più brevi, aprendo un mondo di possibilità inesplorate. Tuttavia, sin dai primi scatti, la fotografia ha dovuto affrontare un quesito cruciale: poteva essere classificata come una forma d’arte?

All’epoca, il concetto di arte era strettamente legato alla manualità e alla creatività intrinseca, rappresentata principalmente dalla scultura e dalla pittura. La fotografia, con la sua natura meccanica e riproduttiva, era vista con scetticismo da una parte del mondo artistico. In particolare in Europa, uno dei primi impieghi della fotocamera fu il ritratto, creando una sorta di competizione con i pittori realisti. Questo nuovo medium portò addirittura il pittore Paul Delaroche a proclamare la morte della pittura, riflettendo l’ansia che pervadeva la comunità artistica tradizionale.

La questione centrale riguardava la natura meccanica della fotografia, che veniva spesso contrapposta all’intervento manuale richiesto nelle forme d’arte tradizionali. L’abilità di una macchina di catturare la realtà con precisione era sia affascinante che preoccupante per gli artisti e i critici dell’epoca. Questi ultimi, infatti, si interrogavano sulla possibilità che un processo meccanico potesse portare alla creazione di opere artistiche valide quanto quelle prodotte attraverso la pittura o la scultura.

Alfred Stieglitz - The Hand of Man, 1902

Alfred Stieglitz, un pioniere nel campo della fotografia, fu uno dei primi a lottare per il riconoscimento della fotografia come forma d’arte legittima. Attraverso le sue iniziative, si cominciò a delineare un percorso che avrebbe visto la fotografia guadagnare un posto di rilievo nel mondo dell’arte. Parallelamente, l’emergere delle società fotografiche a metà del XIX secolo rappresentava un’ulteriore spinta verso la considerazione della fotografia come medium estetico. Queste società, formate sia da professionisti che da dilettanti, furono attratte dalla popolarità del processo al collodio, che migliorava notevolmente la qualità dell’immagine.

La sua passione per la fotografia si sviluppò in Germania. Al suo ritorno a New York nel 1890, si unì alla Society of Amateur Photographers e gestì una propria azienda di stampa. Nel 1902, Stieglitz fondò una galleria dedicata al movimento Photo-Secession, attraverso il quale promosse la fotografia fine art, esibendo esempi di fotografia di genere Pittorialista. L’anno successivo, istituì Camera Work, una pubblicazione che presentava il lavoro di fotografi europei e americani​​.

In Francia e Inghilterra, furono particolarmente accese le discussioni sul ruolo della fotografia nel dominio artistico. Tre principali correnti di pensiero emersero da queste discussioni: una sosteneva che la fotografia, essendo un processo meccanico, non potesse essere paragonata all’arte tradizionale; un’altra vedeva la fotografia come utile ad altre discipline artistiche ma non come una forma d’arte a sé; mentre un terzo gruppo riteneva che la fotografia potesse effettivamente creare opere d’arte valide, paragonandola all’incisione o alla litografia.

Le critiche e le perplessità iniziali nei confronti della fotografia riflettevano le tensioni tra la riproduzione meccanica e la creatività artistica, temi che continuavano a pervadere il discorso artistico anche nei decenni successivi. Nonostante queste sfide, la fotografia ha continuato a evolversi e ad arricchire il panorama artistico, trovando infine il suo posto come forma d’arte riconosciuta e apprezzata.

Condividi, Scegli La Piattaforma!